Benvenuti. Non esistono quasi limiti di tempo e di spazio nella dimensione dei proverbi, tanto vasta ne è la diffusione nel tempo e nello spazio. Da tempo immemorabile l'uomo fa uso di proverbi, sia nella tradizione orale come in quella scritta. Spesso è assai difficile risalire all'origine di un proverbio e stabilire se esso è transitato dalla tradizione orale alla letteratura o viceversa, se è di origine colta o popolare. Anche la linea di demarcazione tra proverbi, detti, motti, sentenze, aforismi, è assai sottile e forse non è così importante come si crede definire l'origine di un proverbio o di un aforisma quanto piuttosto risalire alle motivazioni che ne hanno determinato sia la nascita che l'uso più o meno frequente.

Della mia passione e delle mie ricerche sull'argomento e non solo su questo, cercherò di scrivere e divagare ringraziando anticipatamente quanti vorranno interagire e offrire spunti per sviluppare il tema col proprio personale e gradito contributo.

I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura

sabato 16 giugno 2007

Inaugurazione del mio Blog

Il mio incontro con i proverbi risale ai primissimi anni della mia vita, attraverso l’ascolto dei dialoghi dei miei nonni, dei miei genitori, dei miei zii, tutti costellati da numerosi proverbi, anzi sui proverbi tutti costruiti, quasi come un edificio che si appoggia alle fondamenta.
L’ascolto dei proverbi ha quindi caratterizzato tutto il mio percorso di vita, dalla primissima infanzia alla fanciullezza e all’adolescenza.
Tutto avrei potuto immaginare, tranne che sarebbe proseguito passando dalla mia isola natale alla mia isola d’adozione. Nel lontano 1970, per motivi di lavoro, sono approdato in Sardegna e, con il consolidamento degli affetti, attraverso l’incontro con la mia futura moglie e i suoi numerosi parenti, il cammino attraverso i proverbi è proseguito lungo tre direttrici linguistiche: il siciliano, il sardo, l’italiano.
La vita si è poi presto incontrata con la letteratura, per via degli studi di mia moglie, la cui tesi di laurea (coincidenza?) riguardava proprio i numerosi proverbi nei Malavoglia di Verga.
E proprio l’intreccio fra vita e letteratura ha costituito l’aspetto più seducente della mia passione per i proverbi, che, spero, anche con i contributi dei partecipanti a questo blog, possa diventare una passione condivisa da molti.
Last but not least, un apprezzamento e un ringraziamento al nostro Webmaster LF, ideatore e realizzatore del format di questo blog, che ha unito alla considerevole perizia tecnica, la preziosa funzione di stimolo ed approfondimento culturale.

5 commenti:

  1. Un Grande, Grandissimo 'In bocca al lupo'

    RispondiElimina
  2. Il tuo blog è davvero favoloso, quasi da fare invidia ad uno studioso......Più tardi spero di ritagliarmi un po' di tempo e tuffarmi in questo mare .....siciliano e molto molto familiare!
    Un abbraccio d' incoraggiamento e di congratulazioni anche alla gentile consorte e al tecnico!!!
    Mm

    RispondiElimina
  3. Trovo il tuo blog davvero stimolante ed interessante. Infatti, benchè già altri abbiano affrontato il tema-proverbi, noto che appunto nel blog sviluppi un discorso più vario e nello stesso tempo collegato a motivi ed a suggestioni letterarie, ed in certo modo anche storiche.
    Spero che possa diventare un'ideale palestra di scambi culturali: palestra che certo, io "invaderò" non di rado. Complimenti, Antonio.

    RispondiElimina
  4. Lettrice e sostenitrice18 giugno 2007 07:26

    Buon inizio settimana e buon inizio-rodaggio del blog,la partenza è ottima e davvero....squisita......!!
    Più mi addentro nella lettura e più mi piace.
    A presto....
    (Lettrice e sostenitrice)

    RispondiElimina
  5. Carissimi, oggi vorrei inviarvi una delle mie poesie dal titolo: I PROVERBI. Ringrazio per l'ospitalità del vostro sito a me riservata e vi auguro una buona lettura ed una felice giornata.


    I PROVERBI
    TALVOLTA CI POSSONO INSEGNARE
    QUALCOSA D'IMPORTANTE NELLA VITA
    POICHE' NATI DAI SAGGI, DALLA LORO ESPERIENZA.
    Carissimi se, oggi, voi mi domandate che cosa siano i proverbi,
    direi senza tema d'essere smentito: sono i detti popolari che,
    condensano, in men che non si dica, attraverso le parole dette,
    un insegnamento tratto dall'esperienza di secoli e millenni.
    Sono i lemmi, le proposizioni
    preposte alla dimostrazione
    di un teorema o di una tesi. E
    questi ci appaiono quasi familiari
    poichè più d'una volta si sono uditi,
    nel corso della nostra vita,
    ove l'anima ferita, si rimarginava
    ed appariva la luce nettamente.
    E' nella nostra mente quello che
    dice chiaramente: fermare il
    tempo, no, non è possibile e
    chi l'ha lo usi nel migliore dei modi
    poichè se si compie un male
    non ci resta altro che aspettare
    la logica conseguenza. Santa
    pazienza! Ma se si pianta, sulla
    nuda terra, un albero giungerà
    il giorno che potrai raccogliere
    i suoi frutti succulenti con i
    quali potrai nutrire il tuo corpo,
    potrai gustare tutti quanto gli
    elementi facenti parte della natura.
    L'acqua, il venticello leggero
    che accarezza le fronde. Meno che
    il fuoco poichè di questo
    te ne puoi servire per cuocere i cibi,
    posti sulla padella o sul tegame.
    Se mi soffermo a fare l'esame
    di coscienza potrei dire, davvero,
    d'avere sempre ascoltato
    il consiglio di chi, nato prima
    di me, aveva più esperienza?

    RispondiElimina